Oroscopo, ci crede un italiano su due

By | September 16, 2015

Oroscopo

Magari molti italiani lo terranno per sè, o guarderanno con apparente superiorità chi crede nelle stelle. Eppure, i sondaggi parlano chiaro (per lo meno, quelli anonimi): un italiano su due crede negli oroscopi. E sono tantissimi quelli che affermano di non crederci, ma che in realtà li leggno tutti i giorni, lo stesso.

A dichiarare tali proporzioni è stato, qualche tempo fa, uno speciale condotto dall’Adnkronos, che ha poi tratto un ulteriore spunto riflessivo: la passione per gli oroscopi (sia che si tratti di oroscopi “tradizionali”, sia che si tratti di oroscopi più alterantivi e chic come l’Oroscopo Internazionale) coinvolge tutti, grandi e piccoli, uomini e donne. E il fenomeno, inoltre, aumenta. Per quale motivo?

Secondo la stessa agenzia, ( come ben specificato anche su http://www.donnabeauty.it/oroscopo-internazionale/ )la spiegazione sarebbe da ricercarsi nel fatto che in un periodo di grave incertezza (economica, e non solo) quale quello attuale, l’essere umano è portato a cercare sicurezza e protezione. E, evidentemente, il controllo sul futuro sembra essere uno degli elementi maggiormente in grado di apportare beneficio alla psiche degli italiani, con picchi sul finire degli anni.

La stessa analisi sosteneva inoltre che le previsioni su amore, fortuna, soldi, lavoro e salute, sono principalmente positivi, e aiutano a “sognare”. La maggior parte di essi preannuncia cambiamenti ottimali nel corso dei mesi successivi, e questo conferisce il giusto punto di partenza per sperare che, effettivaivamente, il futuro possa essere migliore del passato e del presente.

Infine, ultima curiosità: il picco di lettura degli oroscopi lo si raggiunge sul finire dell’anno, quando probabilmente molti italiani compiono quello che è un vero e proprio rito di buon auspicio sul futuro, cercando di consultare il proprio destino, positivo.

E voi che ne pensate? Siete appassionati di oroscopi? Ne leggete qualcuno tutti i giorni o lo fate solo una volta ogni tanto?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *